mercoledì 5 marzo 2014

MATE, l'ambiente desktop leggero

MATE è davvero un ottimo desktop environment per Linux: è leggero, veloce e stabile. Sfortunatamente non è presente nelle repository standard di Ubuntu, quindi la sua installazione può risultare un tantino ostica per i non avvezzi.
Interrogare apt-cache non aiuterà, visto che digitando
apt-cache search mate
restituirà quello che immagino sia un lungo poema in longobardo.

Aggiungere il repository di MATE
È necessario aggiungere i repository di MATE al file sources.list presente nella cartella /etc/apt.
Esistono tre modi per farlo: via riga di comando, tramite il programma Software e Aggiornamenti e modificando manualmente il file sources.list

Metodo 1: Linea di comando
Aprite un terminale con la scorciatoia Ctrl+Alt+T e digitate
sudo apt-add-repository “deb http://repo.mate-desktop.org/ubuntu saucy main”
prestando attenzione alle virgolette.
Inserite la password e premete Invio.
In fondo al file sources.list dovrebbe essere comparsa una riga contenente la stringa tra virgolette che abbiamo inserito nel terminale.

Metodo 2: Tramite Software e Aggiornamenti
Aprite Software e Aggiornamenti (software-properties-gtk) e nella scheda Altro software cliccate sul pulsante Aggiunti in basso a sinistra. Comparirà una finestra di dialogo in cui vi verrà chiesto di inserire la riga apt del repository. Incollate
deb http://repo.mate-desktop.org/ubuntu saucy main
e poi cliccate su Aggiungi Sorgente.
In fondo alla lista delle sorgenti e al fine sources.list dovrebbe essere comparso il repository di MATE.

Metodo 3: Modificare manualmente il file sources.list (NON CONSIGLIATO)
Chi ha smanettato un po' con Ubuntu sa che in condizioni normali il file sources.list, benchè sia accessibile (e visualizzabile) con un editor di testo come gedit, non può essere modificato e salvato. Ciò è dovuto a motivi di sicurezza, per evitare modifiche indesiderate a questo file importantissimo per il corretto funzionamento degli aggiornamenti.
Prima di cominciare, assicuratevi che tutte le finestre di Gestore File siano chiuse, onde evitare di non ricordare più quale sia la finestra che apriremo come SuperUser. In seguito, aprite un nuovo terminale e digitate
sudo nautilus /etc/apt
Sul terminale compariranno un paio di messaggi di errore, ma è tutto normale. Inoltre, verrà anche aperta una nuova finestra di Gestore File nella cartella /etc/apt. La particolarità di questa finestra è che all'interno di essa abbiamo privilegi di root, consentendoci quindi di modificare i file di sistema e di salvarli. Clicchiamo col tasto destro sul file sources.list e selezioniamo il nostro editor di testo preferito dal menu Apri con.
Inserite adesso una nuova riga (preferibilmente alla fine del file, ma è possibile inserirla in qualunque punto, a patto ovviamente di non dividere il nome di una repository o di un ppa in più righe) e digitate
deb http://repo.mate-desktop.org/ubuntu saucy main
Salvate il file, chiudete l'editor di testo e anche la finestra di Gestore File. Se nel terminale non è riapparso il prompt, premete Ctrl+C per farlo riapparire.

Installare MATE
Tutto fatto, dunque? Ovviamente no. Per il momento abbiamo soltanto aggiunto il repository che contiene MATE. Adesso è necessario installare l'ambiente desktop in sé, che è composto da tre pacchetti (in realtà metapacchetti).
In una finestra di terminale, digitate
sudo apt-get update
per aggiornare le informazioni sui pacchetti. Se al termine della ricostruzione dell'indice dovesse comparire un messaggio di errore che informa che non è stato possibile contattare il repository che abbiamo appena aggiunto, controllate di averlo digitato correttamente.

Adesso è possibile installare il primo pacchetto, mate-archive-keyring, digitando in un terminale
sudo apt-get --allow-unauthenticated install mate-archive-keyring
digitate s quando vi verrà chiesto se volete installare il pacchetto.
È il momento di installare il secondo pacchetto, mate-core. Digitate
sudo apt-get install mate-core
e premete Invio. Il terminale chiederà di installare i nuovi pacchetti. Premete s e poi Invio. Alcuni pacchetti non potranno essere autenticati, quindi vi verrà chiesto separatamente se volete installarli. Rispondete di sì anche a questa richiesta.
Al termine dell'installazione di questo secondo pacchetto digitate
sudo apt-get install mate-desktop-environment
Anche in questo caso non sarà possibile autenticare alcuni pacchetti. Rispondete “s” a entrambe le domande.

Una volta installato anche questo pacchetto, chiudete il terminale digitando exit oppure chiudetelo cliccando sull'icona chiudi della finestra. Riavviate il PC e, una volta nella schermata di accesso, cliccate sull'icona di Ubuntu accanto al vostro nome utente e selezionate la voce MATE visualizzata sopra Ubuntu (predefinito).

Nessun commento:

Posta un commento